Hintergrundbild

Si possono individualizzare i denti in ceramica Candulor?

La caratterizzazione dei denti in ceramica deve essere effettuata secondo le indicazioni del fabbricante.

Si possono ricuocere/riparare i denti in porcellana?

No, in nessun caso! Candulor non lo consiglia!

Consigliamo di prendere la serie di denti della misura appena un po' più grande e di molarli fino alla forma desiderata.

Posso usare il microonde con i denti in porcellana?

No, in nessun caso!

I cramponi sono in metallo.

I denti in porcellana possono essere utilizzati anche con polimerizzante a caldo?

I denti in porcellana Candulor possono senz'altro essere lavorati con polimerizzante a caldo.

Esistono allergie ai denti in porcellana?

Se i pazienti possano avere reazioni allergiche ai denti in porcellana, non possiamo dirlo, perché non sappiamo a quali sostanze siano allergici i pazienti. Normalmente però non vi è nessuna allergia ai denti in porcellana.

In ogni caso occorre prestare attenzione alla lavorazione corretta e accurata secondo le istruzioni per l'uso, in modo che per esempio il nucleo dei cramponi non venga esposto o danneggiato.

Cosa può provocare fratture da tensione?

  • L'uso di adesivi (anche la silanizzazione). Esso determina un legame migliore con il materiale della base protesica. Di conseguenza le tensioni da polimerizzazione vengono trasmesse direttamente al dente.
  • Temperature di polimerizzazione troppo elevate. Esse provocano una contrazione termica e tensioni. (temperatura ideale 70°-100°C)
  • Un raffreddamento troppo rapido in acqua fredda dei polimerizzanti a caldo provoca tensioni interne. (Lasciare raffreddare all'aria per almeno 30 minuti, poi mettere in acqua fredda.)
  • Pressione troppo alta sotto la pressa (oltre 80 bar).
    Attenzione: non esercitare troppa pressione per togliere la staffa intorno alla muffola dopo la polimerizzazione.
  • A causa di una smuffolatura fatta con il martello senza cautela.

Nella lavorazione meccanica (rifinitura) il dente in porcellana può scaldarsi e accumulare tensioni. Nelle successive lavorazioni a caldo, per esempio l'eliminazione della cera, queste tensioni possono scaricarsi e provocare fratture.

Anche le fratture distali sono causate da tensioni. Queste tensioni possono essere generate da carichi erronei nell’occlusione, da azioni esterne o dalla lavorazione.

Qual è il CDT (coefficiente di dilatazione termica) dei nostri denti in porcellana?

Il valore del CDT non è determinato. Si può tuttavia supporre che sia nel mezzo, cioè vari tra 6 e 8.

Attenzione: differenze da lotto a lotto!

Durezza Vickers=5000 - 6000 N/mm2
Resistenza a flessione=60 - 90 N/mm2
Modulo elastico=55000 - 70000 N/mm2

Si formano depositi sulle protesi con denti in porcellana (affinità alla placca)?

I denti in ceramica hanno una densità molto elevata e proprio per questo motivo non presentano nessuna affinità alla placca.

L'unica spiegazione potrebbe essere che durante la lavorazione la superficie dei denti sia stata irruvidita per esempio con sabbiatura, molatura o lucidatura. Questo potrebbe aver formato sulla superficie delle piccole microritenzioni in cui la placca si deposita.

La nostra proposta sarebbe di rilucidare la superficie dei denti con un gommino diamantato e pasta per lucidatura diamantata fino a perfetta lisciatura.


Ricerca: